NEWS - TROFEO SUPERSCOOTER 4STROKE NEWS - TROFEO SUPERSCOOTER 4STROKE

Indietro

SuperScooter 4Stroke: MINISCHETTI FINALMENTE CAMPIONE

 

Scontro fra titani, come ci ha abituato la finalissima della World Malossi Day Cup all’International Raceway di Adria, ed anche quest’anno la SuperScooter 4Stroke non ha deluso le aspettative: ai soliti noti del Trofeo italiano si è aggiunto anche Toshimasa Kishida, il giapponese fine interprete delle ruote piccole, arrivato per dar filo da torcere ai nostri protagonisti.

LE QUALIFICHE

Già nelle qualifiche si è capito l’andazzo: il leader del Trofeo Andrea Minischetti è in perfetta forma e segna la pole senza grossi affanni. Alle sue spalle c’è Dennis De Lijster particolarmente in palla e a chiudere la prima fila c’è “Toshi”, che riprende il feeling con il Typhoon curato dal team belga Vincent. Alle loro spalle sono tutti vicinissimi, tranne Laudato che sta soffrendo nel finale di stagione.

Secondo turno e Minischetti ripete il tempo segnato nella prima sessione, ma è Toshimasa che trova lo spunto e beffa il torinese per pochi millesimi di secondo. Si avvicina anche De Lijster e la situazione si preannuncia incandescente. Alle loro spalle incalzano Mendogho e Albera, mentre più staccati rimangono Marano, Barzaghi e Laudato.

 

 

LE GARE

Si parte per gara 1: Minischetti prova a fare l’andatura ma capisce che oggi non è giornata di fuga. Due giri in testa e poi comincia a pensare al titolo: gli mancano pochi punti per la certezza matematica. Spunta Kishida che passa il torinese e si mette a tirare. Dietro rimangono incollati Albera e De Lijster, mentre è particolarmente in palla  Mendogho, che tallona il gruppo. A metà gara l’olandese suona la carica e questa volta non deve recuperare molti metri. De Lijster infila uno a uno gli avversari ed al sesto giro va al comando con Toshimasa, Mendogho e Minischetti che lo tallonano. L’ultimo giro è da antologia con botte e risposte fra Toshi e De Lijster, mentre  Mendogho prova a beffare i due con le sue staccate. Sul traguardo si arriva in volata con De Lijster che vince su Toshimasa, e terzo chiude Mendogho. Quarta posizione e titolo in tasca per Minischetti che regola Albera, ma tutti sono a meno di un secondo dall’olandese della DPS. Bella la lotta per la sesta posizione con Barzaghi che la spunta di nulla sull’incisivo Marano.

Gara 2 e Minischetti prova a giocarsela con gli altri senza più pensieri di classifica. Allo spegnimento del semaforo il torinese va in testa ma dietro non gli lasciano respiro. Questa volta scompare dalla lotta Mendogho e davanti si affrontano il torinese, Toshi, De Lijster e Albera che appare più motivato di tutti, dopo aver sistemato alcuni particolari. Il toscano riesce ad andare anche in testa ma all’ultimo giro deve cedere a sua maestà Toshimasa che attacca e va a vincere in volata con 24 millesimi di vantaggio su Albera, 178 su De Lijster. Minischetti è quarto mentre dietro Mendogho la spunta su Marano e Barzaghi.

 

LE INTERVISTE

Per somma punti la vittoria dell’ultima prova del Trofeo SuperScooter 4 Stroke va a Toshimasa Kishida su Dennis De Lijster e Francesco Albera: “Grandi avversari come al solito ma il mio team è stato in grado di mettermi a disposizione un ottimo scooter – racconta Toshimasa Kishida, che si conferma uno dei migliori riders in circolazione  - Questa vittoria è il modo giusto per festeggiare i 20 anni di partecipazione alle finali dei Trofei Malossi, e sono onorato di essere ancora qui sempre insieme al Team Vincent”.

Dennis De Lijster chiude in seconda piazza una stagione da incorniciare: “Abbiamo dato il massimo ad ogni gara ma Minischetti è stato bravissimo a non commettere errori – racconta l’olandese della DPS – noi abbiamo pagato un po’ all’inizio di stagione anche se il team è stato bravissimo a trovare subito il bandolo della matassa e mettermi a disposizione un grandissimo mezzo. Credo che possiamo essere felici del risultato conseguito”.

Francesco Albera ha un bel sorriso stampato in faccia: “ero fermo da anni ed abbiamo cominciato a stagione iniziata quindi tutto quello che è venuto è stato positivo – racconta il toscano di DFR Racing – il finale di stagione è stato esaltante e credo che il prossimo anno siamo in lizza per il titolo, almeno io ci proverò”.

Ad Andrea Minischetti titolo 2016 e giro veloce con il nuovo record ad Adria per i 4Stroke: “Ringrazio tutti per l’apporto ricevuto e metto in bacheca questo titolo – racconta il torinese – Mio padre è stato bravissimo a darmi sempre lo scooter migliore. In gara 1 non ho voluto correre rischi e mi sono accontentato del quarto posto anche se vicinissimo agli altri. In gara 2 purtroppo ho fatto un piccolo errore, ma eravamo tutti oltre il limite. Il giro veloce mi ripaga della delusione di non essere salito sul podio ed è un segnale forte delle prestazioni che il 4Stroke può regalare”.

Ilio Ascione