NEWS - TROFEO SPRINTMATIC NEWS - TROFEO SPRINTMATIC

Indietro

SPTM: TUTTI IN VOLATA

 

Seconda prova del Trofeo SprintMatic, la formula all inclusive  promossa dalla Race Service Malossi che vede in pista le Vespe Sprint kittate e curate direttamente dalla factory bolognese. A Binetto lo spettacolo è stato alto, sia perché la conformazione della pista si addice in particolar modo, sia perché a saggiare le qualità del noto scooter per questa gara sono arrivati alcuni “vecchi volponi” delle ruote piccole.

LE QUALIFICHE

Nel primo turno di prove si è messo subito in risalto Andrea Minischetti, Il torinese non ha avuto difficoltà alcuna a segnare subito il tempo che lo ha portato in pole davanti al sempre più consistente romano Francesco Murdaca e all’esperto monzese Christian Galbiati. Subito dietro si piazzano il potentino Rocco Coviello avanti al sannita Federico Rucci e Giancanio Eboli.

In Q2 non scende in pista Minischetti e Murdaca conferma il suo stato di forma segnando il miglior tempo della sessione. Volano anche Coviello (a pochi millesimi da Murdaca) Eboli e Rucci che prendono confidenza con la SprintMatic.

In griglia Minischetti tiene la pole davanti a Murdaca e Coviello, In seconda fila ci sono Eboli, Galbiati e Rucci, mentre dietro partono Marano, De Rosa, e gli olandesi Van Der Ree Doolaard e Van Ljere.

LE GARE

Al via di gara 1 è subito bagarre a 7 con i piloti che cercano spazio e posizioni. Minischetti riesce a mettersi al comando, incalzato da Coviello (molto aggressivo), Eboli, Galbiati e Murdaca, più cauti Rucci e Marano seguono il gruppone, avanti a De Rosa, Van Der Ree Doolaard e Van Ljere. Avanti si scambiano le posizioni di continuo, e a farne le spese sarà Minischetti che scivola e riparte in terzultima posizione con una decina di secondi persi. Si porta in testa Galbiati, ma Coviello è una furia e ripassa il giro successivo, con Murdaca che non perde il contatto. È la volta del romano ad attaccare e va in testa, ma dietro non gli lasciano respiro e, di esperienza, Coviello ripassa seguito da Giancanio Eboli. Intanto rimonta a suon di giri veloci Andrea Minischetti che raggiunge il gruppo in bagarre e guadagna due posizioni al penultimo giro. L’ultimo giro è da cardiopalmo: Coviello ne viene fuori di grinta, vincendo gara 1 su Eboli, Galbiati, Minischetti, Murdaca, Rucci e Marano, in una volata da brivido.

Gara 2 e si ripete il copione, con 7 piloti che sfruttano al meglio i mezzi tutti uguali approntati dalla Malossi. Questa volta è bravo Minischetti a non lasciarsi imbrigliare e prova ad imporre il proprio ritmo. Dietro a pochi metri c’è bagarre e viene fuori Francesco Murdaca, che segna il giro veloce della gara. Al sesto passaggio è addosso a Minischetti e lo passa ma, nel tentativo di fuga, scivola compromettendo tutto. Minischetti si ritrova la strada spianata verso la vittoria della manche e non se la lascia sfuggire. Dietro Galbiati ha il suo da fare ma riesce a tenere a bada sia Coviello che  Eboli. Per somma punti la vittoria di giornata va Coviello per 2 punti su Minischetti e 3 sul regolarissimo Galbiati.Ancora pareri positivi sull’utilizzo corsaiolo di questo Scooter curato direttamente dalla factory bolognese: prestazioni identiche, costi bassi e gran divertimento per i piloti che devono preoccuparsi solo di arrivare in pista con licenza, tuta e casco, mentre al resto pensa la Race Service Malossi.