NEWS - TROFEO SCOOTERMATIC REPLICA NEWS - TROFEO SCOOTERMATIC REPLICA

Indietro

Trofeo ScooterMatic Replica: Chesi...Stoner!

 

Parte anche al Sud il Trofeo Replica ed anche qui le premesse del nord e della Sicilia sono mantenute. La serie d’ingresso del mondo Malossi ha dimostrato tutta la sua bontà: bassi costi ed incentivi che permettono ai piloti di disputare una stagione di corse con un budget iniziale veramente basso. Da Sarno si incrementerà il numero con new entry del team DPS e RC Moto, oltre a qualcun altro che, dopo l’apertura di Viterbo, si sta interessando all’Entry Level Malossi.

La pole position va all’abruzzese Luigi Parente che ha dimostrato di saper bene interpretare la pista laziale, tanto da permettersi il lusso di stare davanti al toscano Claudio Chesi (secondo nel combattuto girone Nord) e alla wild card Francesco Reale, ex campione del Trofeo Regioni.

 

Le gare

 

In gara 1 Reale fa valere la propria esperienza e passa al comando seguito da Parente e Chesi. Dietro ci sono Souza e Bindi che non tengono il ritmo dei primi. A metà gara Luigi Parente si avvicina a Reale e comincia a pressarlo. All’uscita di un tornante, però, sbaglia e scivola rompendo la pedivella della messa in moto. Per Reale non ci sono più problemi e vince su Claudio Chesi ed il brasiliano con licenza italiana Caio Souza, in progressione ad ogni giro.

Gara 2 rinviata di mezz’ora per la pioggia e alla partenza Reale si porta avanti senza problemi sfruttando al meglio le rain. Parente, partito con circospezione, prende coraggio e passa in testa al terzo giro ma scivola ancora lasciando Reale proseguire indisturbato verso il traguardo. Parente riparte e chiude alle spalle del cavese. Chesi non cambia gomme e deve accontentarsi di rimanere in piedi senza errori. Al termine Reale è primo anche in gara 2 davanti a Parente e Chesi ma, trasparente ai fini della classifica, lascia la vittoria per somma punti al toscano del team Extremity: “ In gara 1 sia io che Parente siamo partiti con un po’ di timore reverenziale nei confronti di Reale, ma poi siamo riusciti a stargli molto vicino e mi sono tolto la soddisfazione del giro veloce – specifica l’empolese – in gara 2 visto che Francesco era trasparente ai fini della classifica , non mi sono nemmeno preoccupato di cambiare le gomme. Sono stato attento a non fare errori”. Primo podio per il giovanissimo Caio Souza che porta il suo Yamaha Aerox al secondo posto: “Di certo non mi aspettavo un simile risultato che fa sempre morale – afferma il brasiliano - Nei primi giri di gara 1 avevo serie difficoltà a capire la pista perché siamo arrivati solo stamattina. Poi ho cominciato a prendere confidenza e alla fine ho tenuto anche un buon ritmo. In gara 2, con tutta quella pioggia mi sono quasi avvilito e puntavo a rimanere in piedi.” Terzo è Fabrizio Bindi: “L’importante è divertirsi – ride il quarantenne toscano – e se sono qui è perché amo i motori ed anche le ruote piccole. Difatti corro anche in kart. Nei primi giri non ho forzato per dare il ritmo a Caio: ma quello impara in fretta, infatti mi ha passato!”.

Luigi Parente cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno: “almeno ho vinto gara 2 – dice il portacolori dell’ERT – in gara 1 ho voluto strafare e sono scivolato. Una caduta ingenua ma non sono riuscito più a ripartire. Anche in gara 2 sono scivolato, ma li sono più giustificato perché con la pioggia era veramente difficile stare in piedi”.

Francesco Reale ha acconsentito di fare da chioccia al neonato Trofeo: “E’ una bella iniziativa della Malossi e quando il mio team mi ha chiesto di correre come wild card non mi sono tirato indietro – dice il giovane cavese della DPS – può sembrare strano ma ho avuto difficoltà a riadattarmi al due tempi, tanto che sia Chesi che Parente erano più veloci di me, sia in prova che in gara. Dalla mia ho avuto l’esperienza, e la costanza sul giro. Ma mi sembrano entrambi in gamba”.

Il prossimo appuntamento con il girone Sud del Trofeo Malossi è sul Circuito Internazionale Napoli di Sarno il prossimo 2 giugno.