NEWS - TROFEO SCOOTERMATIC REPLICA NEWS - TROFEO SCOOTERMATIC REPLICA

Indietro

ScooterMatic Replica – La tempesta perfetta

 

La pioggia caduta la domenica, dopo un sabato di prove asciutte, ha però complicato ulteriormente una situazione già di per sé tutt’altro che facile, e non sono mancati i colpi di scena…

 

LE QUALIFICHE 

 

Di Bona parte con il piede giusto ed imposta i primi riferimenti in 1’34 precedendo Guidi e Rondina. Il pilota del team DB Racing continua a migliorarsi ad ogni uscita, ma Guidi risponde colpo su colpo e lo tallona da vicino. Rucci ritarda l’ingresso in pista ma si fa subito notare, mettendosi in mezzo nella lotta tra Di Bona e Guidi. Il turno si chiude con Di Bona in prima posizione in 1’32.236. Rucci, a mezzo secondo, è l’unico altro pilota a girare in 1’33. Con una zampata sul finale, Rondina agguanta la prima fila provvisoria davanti a Guidi, Morselli, Visani, Sarti e Bindi. 

A fare da protagonista in Q2 è una pioggia torrenziale che confina la maggior parte dello schieramento ai box. Solo Rondina e Rucci scendono in pista a saggiare le condizioni dell’asfalto, senza prendere rischi ma raccogliendo comunque informazioni utili per le due gare che si preannunciano bagnate. 

 

LE GARE 

 

Alla partenza di Gara 1, è Rondina a dettare l’andatura con Guidi in scia. Più cauti Morselli, Rucci, Di Bona, Sarti, Visani e Bindi, che seguono sgranati. Con il titolo in palio, il duo di testa non fa calcoli e guadagna oltre 10 secondi nel corso del solo primo giro. 

Guidi attacca Rondina alla staccata in fondo al rettilineo nel passaggio successivo, ma Rondina risponde immediatamente ed i due restano compatti. Di Bona si ritrova in fondo allo schieramento ed è costretto a ritirarsi, dicendo addio alle sue speranze di riconquistare il titolo. Sul finale l’ennesimo colpo di scena: Rondina rischia un high-side prendendo una pozzanghera in accelerazione all’uscita dall’ultima curva ed esce momentaneamente di pista regalando la vittoria a Guidi, che di fatto azzera i giochi in vista della seconda ed ultima manche. Morselli piega di misura Rucci per aggiudicarsi il terzo gradino del podio. Seguono Sarti, Visani, e Bindi. 

In Gara 2 è Guidi ad azzeccare una partenza all’attacco dalla seconda fila, con Rucci ad imitarlo per prendersi il secondo posto con un sorpasso deciso su Rondina alla curva 3. Guidi tenta la fuga con un primo giro al fulmicotone, ma Rondina non molla la presa e tiene alta la pressione sul pilota del team Rava Racing, che scivola alla curva 6 nel corso del terzo giro lasciando Rondina al comando con un buon margine ed il titolo del girone Nord nel mirino. I primi tre – Rondina, Rucci Morselli – procedono sgranati ma Guidi risale la china con una rimonta spietata dopo la caduta, sorpassando sia Rucci che Morselli negli ultimi giri. Anche Visani ricuce il distacco da Sarti e lo sorpassa per agguantare la quinta posizione in scia sul rettilineo. Rondina e Guidi chiudono così a pari punti, con la classifica di giornata assegnata al numero 16 in virtù della vittoria in Gara 2. Un duello lungo un’intera stagione si risolve per soli sette punti: Rondina è campione della Replica, Guidi della SuperScooter, in attesa del prossimo atto! 

 

Luca Semprini