NEWS - TMAX CUP NEWS - TMAX CUP

Indietro

TMax Cup: Dietro Rapicavoli grande battaglia

 

T-Max Cup a Binetto con nuovi innesti e annuncio di grande spettacolo: sull’Autodromo del Levante si rivede Diego Guerra che si accasa con il Marvin Racing e prova a punzecchiare il due volte campione Gianluca Rapicavoli. Innesti nuovi anche con il Team Minischetti che porta in pista Maverik e Fabio ed i soliti noti ben decisi in Puglia a cercarsi un posto al sole.

LE QUALIFICHE

Primo turno di qualifica e Rapicavoli parte subito alla caccia del tempo: due giri sotto il 55 poi si ferma per delle regolazioni. Intanto sale Diego Guerra che si porta in seconda posizione cercando di guidare sopra i problemi del suo T-Max, ancora acerbo di preparazione: il pilota romano si porta in seconda posizione scavalcando un deciso Marco Panfili e relegando in seconda fila il compagno di squadra Boccardo. Giuseppe Russo becca una gomma farlocca all’anteriore e non riesce a girare come potrebbe, lamentando problemi di inserimento. Manuel, alla seconda gara è sesto, sempre più vicino agli avversari.

Secondo turno di qualifica e Rapicavoli suona la carica girando in 54 netto. Dietro si danno da fare Diego Guerra e Giuseppe Russo per portarsi quanto più vicino possibile. Il primo trova subito il tempo mentre il vicecampione resta in pista fino alla fine delle prove centrando il suo scratch al quindicesimo passaggio. Scende in seconda fila Panfili avanti a Boccardo, ma entrambi sono sotto il 55, segno di una grande competitività. Manuel è sesto ma migliora ancora, avvicinandosi a Boccardo.

LE GARE

Gara 1 e condizioni ottimali della pista: Rapicavoli parte benissimo, ma questa volta sia Guerra che Panfili vanno ad insidiarsi la testa alla prima staccata. Il siciliano riesce a passare in testa con Panfili che lo segue con incollato Guerra. Più dietro scintille fra Boccardo e Russo, con continui cambi di posizione. Rapicavoli cambia immediatamente ritmo alla corsa prendendo vantaggio. Panfili fa buona guardia, tanto da costringere Guerra ad una staccata oltre ogni limite che lo porterà nella via di fuga: il pilota di Marvin Racing riparte staccato in ultima posizione. Rapicavoli è imprendibile in prima posizione, con Panfili secondo che si ritrova adesso con Boccardo e Russo francobollati addosso. Manuel è quinto non distante mentre Guerra è scatenato dopo l’errore e gira a ritmo di qualifica per recuperare. Gli ultimi giri c’è lotta accesa per il podio: Rapicavoli va a vincere con discreto margine, mentre dietro arrivano in quattro con Panfili che regola Boccardo, Russo e Guerra giunti vicinissimi. Manuel è sesto davanti a Fabio.

Gara 2 e questa volta Rapicavoli si muove bene andando subito in testa. Dietro è gruppo selvaggio con Panfili, Guerra, Russo, Boccardo e Manuel che se le suonano di santa ragione. Al terzo giro, dopo aver segnato il suo passaggio più veloce esce di gara Manuel. Rapicavoli gira fortissimo e Panfili lo vede allontanare preoccupato dalla pressione che gli stanno dando gli inseguitori. Al quinto passaggio Guerra trova il varco e si infila costringendo Panfili ad allargare e ne approfittano anche Boccardo e Russo. Guerra trova un po’ di margine mentre Russo si porta in terza posizione ai danni di Boccardo. Panfili intanto alza il mirino e va a caccia del torinese. Al dodicesimo giro riuscirà a passare ma Boccardo ci proverà fin sotto la bandiera a scacchi. Sul traguardo passa primo Gianluca Rapicavoli, avanti a Diego Guerra, Pino Russo, Marco Panfili e Sergio Boccardo racchiusi in poco più di un secondo. Fabio è sesto, migliorando i suoi tempi giro per giro.

Rapicavoli è primo con punteggio pieno e vola in testa al Trofeo: “Non è mai facile vincere e oggi gli avversari hanno guidato molto forte – spiega il rider siciliano – L’arrivo di Guerra è un incentivo in più per tutti. Oggi mi è andata bene ma già dalla prossima gara avrò Diego e gli altri ancora più vicini”

Marco Panfili chiude in seconda posizione di giornata: “sono felicissimo pensando solo a dove ero lo scorso anno – racconta il romano – ora stiamo capendo qualcosa in più nella messa a punto e stiamo pian piano rimettendoci nel gruppo. Oggi credo di aver disputato due ottime gare, lottando fino alla fine con 3 piloti di alto livello. Questa coppa la dedico a mio padre e a tutti quelli che mi stanno dando una mano”

Diego Guerra chiude la gara del rientro in terza posizione: “Abbiamo avuto una serie di problemi di gioventù, del resto lo scooter è stato finito giovedì – dice il pilota del Marvin Racing – è tutto acerbo ed io ho tanta ruggine addosso. Marvin si è fatto in quattro per adattarmi al meglio il T-Max e mi dispiace per il mio errore in gara 1, altrimenti chiudevamo secondi. Ma mi sono fatto prendere dalla fretta e non volevo far scappare Rapicavoli. A Cervesina arriveremo certo più pronti”.

Quarto finisce Giuseppe Russo: “Dopo i problemi in Q1 mi sono rimboccato le maniche e sono riuscito a disputare una buona gara – commenta il pilota preparatore di Tivoli – ci siamo divertiti tantissimo in quattro a giocarci il podio. Dopo una gara così sono felice, anche se alla fine non sono salito sul podio. Sarà per la prossima volta”.

Sergio Boccardo è quinto dopo una scivolata nelle libere che ha rischiato di compromettere tutto: “sono entrato in qualifica ancora scosso dalla caduta ma ho cercato di dare il massimo – dice il torinese del Marvin Racing – oggi sono felicissimo perché sono riuscito a migliorare tanto rispetto all’anno scorso. Ho levato almeno un secondo dai tempi del 2017 ed ho lottato per il secondo posto in entrambe le manche. Posso guardare alle prossime gare con grande fiducia”.