News News

Indietro

TMax Cup: GUERRA E RAPI84 SENZA FRENI

 

T-Max Cup con il titolo che torna nelle mani di Gianluca Rapicavoli, rientrato a Vallelunga per difendere il vantaggio in classifica, nonostante sia ancora convalescente da un infortunio. Il catanese sale in sella al suo T-Max nel secondo turno di qualifica e, con una semplicità disarmante, si mette a battagliare per la pole con Diego Guerra. Finiscono qui i sogni per Giuseppe Russo: il tivolese autore di un’altra stagione impeccabile ed in crescita ci ha creduto, finché non ha visto la grinta di Rapicavoli: “nelle prove mi ha affiancato in rettilineo. Ho visto i suoi occhi ed ho capito che il titolo lo riprendeva lui. Sono felice di averlo rivisto in sella con la sua immensa classe: Gianluca è un campione ed un grande amico”

Le qualifiche vedono in pole position Diego Guerra, reduce dalla vittoria di Magione, affiancato da Gianluca Rapicavoli e dal compagno di squadra Sergio Boccardo. Giuseppe Russo apre la seconda fila precedendo il rientrante Lucio Gatti e Manuel.Allo start di gara 1 i due mettono in chiaro il pronostico allungando si dai primi metri. Alle loro spalle c’è Lucio Gatti che tiene a bada Russo e Boccardo, mentre Manuel ha il suo da fare con Panfili e Ferrara. I due battistrada allungano alternandosi in testa alla gara e tenendo alto lo spettacolo. Dietro stringe i denti Gatti con il terzo T-Max di Marvin Racing, lottando con il compagno di squadra Boccardo e con Russo. Al settimo giro scivola Gatti e Russo trova il varco per portarsi in terza posizione. Intanto Rapicavoli e Guerra stanno concludendo la loro gara che si decide in volata sul traguardo con il romano che vince per 138 millesimi di secondo sul siciliano che però conquista matematicamente il terzo titolo. Russo è terzo con soli 18 millesimi di vantaggio su Boccardo, mentre Manuel è quinto su Panfili e Ferrara.

Gara 2 ed è puro spettacolo: Rapicavoli potrebbe anche non gareggiare ma il siciliano vuole essere della partita. Lui e Guerra ridanno vita allo show di gara 1. Rapicavoli che prova a scrollarsi di dosso il romano e Guerra che risponde ad ogni curva. Dietro parte forte Lucio Gatti che si rimette in terza posizione avanti a Russo, Boccardo, Panfili, Manuel e Ferrara. I due di testa non si risparmiano allungando sul gruppo in lotta fra loro. Dietro Russo cerca varchi per passare ma Gatti lo tiene a bada rispondendo ad ogni staccata. Boccardo invece si trova in difficoltà con Panfili, Ferrara e Manuel che ci provano ad ogni curva. Al termine c’è il solito arrivo in volata fra Rapicavoli e Guerra, con il romano che beffa il campione siciliano per 156 millesimi di secondo. Russo neLle ultime curve trova il varco e chiude terzo per due decimi su Gatti. In Quinta posizione c’è Boccardo che precede Panfili, Manuel e Ferrara.Guerra e Rapicavoli si abbracciano sotto il podio: “per me è la seconda vittoria consecutiva dopo quella di Magione e sono felice soprattutto perché il Marvin Racing Team è riuscito ad approntarmi in pochissimo uno scooter vincente – racconta Diego Guerra – oggi poi ho avuto l’onore di duellare con Gianluca e credo che lo spettacolo offerto sia stato di altissimo livello. Sono contento per lui che è ritornato in sella: ora lo aspetto per la prossima stagione”.

Il neocampione non nasconde la sua gioia: “avevo portato un pilota a sostituirmi ma non riusciva ad entrare in sintonia con il T-Max – spiega il catanese Gianluca Rapicavoli – così sono sceso in pista a difendere il titolo. Ho disputato una bella gara con Diego che si è dimostrato un avversario correttissimo. La gioia di essere salito sul mezzo e poi sul podio mi ha fatto dimenticare l’infortunio”.