News News

Indietro

SprintMatic – Una poltrona per…tre

 

 

 

LE QUALIFICHE 

 

Minischetti rompe gli indugi in Q1 in 1’41, un tempo di tutto rispetto, replicato poco dopo da Calonaci. Marino però alza immediatamente l’asticella siglando un 1’39 che è in grado di replicare anche a livello di passo gara. Minischetti comanda la pattuglia degli inseguitori, ad un secondo di distanza. Seguono Calonaci, Sartori, Giberti, De Rosa, Morgante, VD Ree, Van Liere, e VD Gaag. 

In Q2 i piloti devono fare i conti con la pista bagnata, ma non si tirano indietro dal momento che le previsioni meteo preannunciano gare sotto la pioggia. Sfruttando le condizioni climatiche per lui usuali, l’olandese VD Ree si mette in mostra con un 1’55 basso. Seguono Marino, Morgante, Giberti, Sartori, VD Gaag, Calonaci, Van Liere e De Rosa. 

 

LE GARE 

 

Marino ha un buono spunto dalla pole position, ma Calonaci è il più rapido alla partenza ed attacca all’interno dalla terza casella, portandosi al comando seguito da Marino e Minischetti. La pioggia fa immediatamente selezione, tanto che Calonaci e Marino prendono due secondi di vantaggio in avvio, con il leader in classifica Minischetti a guidare il gruppo degli inseguitori con Sartori, Morgante, e Giberti racchiusi in meno di un secondo. Nel resto dello schieramento è lotta a due: Van Liere contro VD Gaag, VD Ree contro De Rosa.

Calonaci e Marino ingaggiano un duello serrato, procedendo sempre fianco a fianco. In rettilineo, i due spesso incrociano addirittura gli sguardi nel tentativo di ritardare il più possibile la staccata. Marino rompe gli indugi a 3 giri dal termine e mette tra sé e Calonaci un piccolo margine di sicurezza con un passaggio in 1’53.4. Grande bagarre anche per il terzo posto con Minischetti e Sartori che si scambiano più volte la posizione. Sul finale Calonaci accusa un calo e viene progressivamente riavvicinato dal gruppo, mentre Marino resta l’unico in pista a girare sul tempo di 1’53. Morgante sale in cattedra e si porta al secondo posto davanti a Sartori, Minischetti, Giberti e Calonaci. Il pilota con il numero 8 tenta una staccata disperata all’ultimo giro su Minischetti, che però incrocia ed è secondo (si consolerà con il giro veloce in gara in 1’52.286) davanti a Giberti.  

Alla partenza di Gara 2, Minischetti si porta al comando su Marino. A caccia dei due c’è un gruppo di quattro piloti formato da Calonaci, Giberti, Morgante, e Sartori. Più attardati, i tre olandesi – VD Gaag, VD Ree e Van Liere – sono in lotta fra loro. 

Nel corso del secondo passaggio, Marino prende il comando e guadagna due secondi sugli inseguitori in virtù di un passaggio in 1’48. Il siciliano è indiavolato e guadagna due secondi a giro. Minischetti, secondo, non prende rischi eccessivi nel tentativo di contrastarlo, tenendo un occhio di riguardo alla classifica. Dopo una lunga lotta a tre, Giberti riesce fiacca la resistenza di Morgante e Sartori per chiudere al terzo posto. Seguono VD Ree, Calonaci, Van Liere, VD Gaag, e De Rosa. La classifica di giornata è la replica esatta dei due podi: primo Marino, poi Minischetti e Giberti. Ad un round dal termine, Minischetti continua a guidare la classifica con soli 9 punti di vantaggio su Marino e 15 su Giberti. Nel gran finale di Vallelunga, nessuno potrà più fare calcoli. 

 

Luca Semprini