News News

Indietro

SCMT Regioni: PADUANO IL GLADIATORE

 

 

Si è chiuso a Vallelunga, come tradizione, il Girone Sud della Trofeo ScooterMatic Regioni che quest’anno vede scrivere per la prima volta il suo nome nell’albo d’oro, Antonio Paduano. Un premio di consolazione per il pilota salernitano che va considerato di certo uno dei più forti piloti di sempre della specialità. Una stagione non esaltante per svariate sfortune in cui è incappato, ma che Paduano ha saputo raddrizzare sulla pista romana con una prova degna del suo nome. 

 

LE QUALIFICHE

 

Già in prova il rider di Accardo ha messo in mostra il suo talento segnando tempi irraggiungibili per gli avversari. Si aspettava la replica di Gennaro Scelzo, ma il napoletano ha avuto seri problemi per tutto il weekend non riuscendo mai ad entrare fra gli avversari da temere. In prima fila c’erano con Paduano Giancanio Eboli e Christian Galbiati, mentre in secondo fila si erano portati Vacchiano, Lanzillotti e Marco Giglio.

 

LE GARE

 

Al via di gara 1 Paduano allunga, chiudendo la gara senza possibilità di replica. Galbiati chiude in seconda posizione dopo un duello fianco a fianco proprio con Giancanio Eboli, cresciuto tantissimo nel corso della stagione, che brucia al fotofinish per pochi millesimi di secondo. Quarto chiude Vacchiano mentre Scelzo è quinto distante dalle posizioni del podio ed alle prese con un coriaceo Marco Giglio che le prova tutte per portarsi avanti.

Gara 2 più combattuta alle spalle di Paduano. Il salernitano allunga giro su giro senza lasciare possibilità di prendere la scia agli avversari. Eboli e Galbiati se le suonano di santa ragione, tenendo alto lo spettacolo a Vallelunga. Sul traguardo i due transitano ancora vicinissimi, ma è ancora Galbiati a beffare Eboli con un ultimo giro da incorniciare. Gennaro Scelzo riesce ad arrivare in quarta posizione non lontano dai due in lotta, mentre quinto chiude in volata Michele Urbano su Cosimo Camassa e Marco Giglio.

Per somma punti la vittoria della prova conclusiva va ad Antonio Paduano che porta a casa un altro titolo della sua carriera: “sono contento del risultato e che finalmente non abbiamo avuto problemi in questa gara – dice il salernitano del Team Accardo – anzi Ciro Accardo è stato bravissimo a rimettere rapidamente a posto lo scooter dopo la scivolata che ho fatto nel WMDC. Tanto lavoro per lui fatto in modo impeccabile, come sempre. Credo che questa vittoria sia una buona iniezione di fiducia per il prossimo anno. Ora ci fermiamo un po’ e pianificheremo nel corso dell’inverno la stagione 2018. Di certo ancora insieme e pronti a dar battaglia”.

Christian Galbiati porta a casa il secondo posto di gara 2 ed il terzo nel Girone Sud del Trofeo Regioni: “stagione raddrizzata nel finale che mi ha portato al titolo al nord e al podio nel difficilissimo sud e ne sono contento. – sorride il monzese della DPS – sono contento per i ragazzi del team che si sono sempre impegnati al massimo, anche quando io non ero al cento per cento della forma. Qui temevo molto Scelzo ma oggi non era decisamente la sua giornata e sono riuscito a scavalcarlo in classifica, mentre faccio i complimenti ad Eboli che mi ha reso la vita difficile in entrambe le manche meritandosi il secondo posto nel Trofeo”.

Terzo al traguardo, per somma punti, Giancanio Eboli ha dimostrato una grande costanza durante questa stagione: “un po’ più di allenamento e la solita dedizione del team mi hanno permesso di essere qui – racconta il potentino di RC Motors – credo che per un gruppo di amici che viene a divertirsi la domenica sia un grandissimo risultato. Questa coppa la dedico al mio amico Rocco Coviello che si impegna al massimo per tenere questo clima nel nostro team”.

Gennaro Scelzo chiude in quarta posizione ma rimane sempre uno dei piloti più forti del girone Sud: “avessi più tempo forse riuscirei a fare qualcosa in più – spiega il portacolori del Team Palomba – qui sono arrivato in tempo per le qualifiche, ma non abbiamo effettuato prove libere. Questo ci ha penalizzato, anche perché abbiamo avuto una serie di piccoli problemi che avremmo potuto risolvere con più tranquillità. Comunque siamo venuti a Vallelunga ad onorare i Trofei Malossi e speriamo di fare meglio il prossimo anno”.

 

Ilio Ascione