News News

Indietro

Anastasi espugna Castelletto

 

L’aveva detto prima della gara Nicola Ansatasi che voleva lasciare il segno, e dopo un weekend in cui il suo il numero 28 è andato sempre più forte ha vinto la seconda prova del Trofeo nazionale Scooter velocità corsa sotto una pioggia battente. Il siciliano ha preceduto all’arrivo due vecchie conoscenze dei Trofei Malossi, entrambi poco allenati sugli Zip, Davide Zenari, tornato al cambio automatico dopo oltre 2 anni di assenza e seguito dal team Motauto e cesare Fusto, al suo esordio assoluto sugli Zip dopo aver corso in diverse categorie nei Trofei Malossi, seguito per l’occasione da Marco Borgna.
Già dopo la prima gara si era capito che il Trofeo Nazionale Scooter Velocità sarà uno dei campionati più belli e spettacolari degli ultimi tempi: nessuno dei piloti da podio a Varano è riuscito a salire anche su quello di Castelletto. Russo, Gabellini e Grilli per alterne vicende hanno tagliato il traguardo più indietro, mentre non riescono ancora a trovare il giusto ritmo, ma non sono per niente tagliati fuori dalla classifica Max Mendogho, in crisi sull’acqua e Omar Bortolato, che deve sconfiggere il virus che sta colpendo il suo Zip.
Cambio sul gradino alto del podio anche per i Superscooter che si dimostra un campionato più equilibrato: Niccolò Baldi, vincitore a Varano e più veloce nelle crono deve cedere in gara al ritmo di Marco Gottardello, a sua volta secondo nella prima gara della stagione. Momento difficile per il campione in carica Ribul: il pilota Beta Racing non è riuscito neanche stavolta a tagliare il traguardo per problemi al suo scooter, che ha dato risultati soddisfacenti solo in prova.

 

La presenza di tanti piloti forti rende spettacolari anche le qualifiche: bastano pochi giri di riscaldamento per vedere tempi record e avvicendamenti nella prima fila, dove tutti sgomitano per aggiudicarsi uno dei 4 posti. Boccardo è il più veloce ma il suo tempo viene subito spazzato via da Santo Russo, con 1’21”437 seguito a ruota da Grilli e Fusto. Dopo 8 minuti di crono l’umbro riesce a portarsi in pole con 2 decimi di vantaggio su Russo mentre Anastasi comincia il suo show e conquista il terzo posto in griglia.
Russo si avvicina, a soli 8 centesimi da Grilli, Mendogho è sesto davanti a Parodi mentre Zenari, che si toglie un po’ di ruggine accumulata nella lunga lontananza dagli scooter strappa il terzo posto ad Anasatsi, ma è ancora lontano 6 decimi dalla testa. A fine turno Grilli mantiene la pole grazie a un giro strepitoso in 1’21”216 e nonostante una caduta che non gli ha più permesso di ritoccarlo, davanti a russo, Zenari e Anastasi. Fusto è in seconda fila con Boccardo e Mendogho; Gabellini e Bortolato sono in terza.
Mendogho e Gabellini sono i primi a tirare nelle crono di domenica, ma il traffico in pista non agevola il giro record. Tra i Superscooter Ribul è il più veloce della giornata, riuscendo subito a confermare il tempo di sabato. A metà turno finalmente Mendogho riesce a migliorare e sale di 2 posizioni, a pochi millesimi dalla prima fila. Anche Boccardo recupera mentre Anastasi a pochi secondi dalla bandiera a scacchi con 1’21”8 riesce a scavalcare Zenari e si piazza terzo. Confermata la prima pole nel Trofeo nazionale Scooter per Grilli su Russo, Mendogho apre la seconda fila su Fusto, Boccardo e Gabellini.
Parte fortissimo Russo prova ad allungare su Grilli mentre Mendogho si fa subito sotto, ma comincia ad accusare qualche problema di troppo e perde terreno. Il gruppo è compatto, dietro a Grilli c’è subito Anasatsi, Anastasi, seguito a ruota da Zenari e Boccardo mentre Gabellini è decimo.

Il primo dei Superscooter è Gottardello. Grilli è in palla anche sul bagnato e con un gran numero degno del migliore Russo del 2009 passa proprio Santo all’ultima curva prima del traguardo e si porta in testa mentre Anastasi tiene la terza posizione su Zenari, Boccardo e Parodi, Mendogho sta iniziando la sua discesa, girando 4 secondi più lento dei primi.
Santo ha più problemi del solito mentre Grilli allunga cercando di liberarsi dal contatto di Anastasi e Zenari e segna anche il giro veloce. Perso nelle retrovie Mendogho viene suiperato anche dai superscooter, oggi più lenti degli Zip. Grilli mantiene il vantaggio ma dal centro del gruppo si risveglia Fusto che richiama l’attenzione segnando il nuovo giro veloce. E’ il momento di Anastasi: prima passa Santo Russo, che cede subito altre due posizioni e al sesto giro sorprende Grilli all’ultima staccata, che contiene una derapata sul traguardo e prova a rifarsi sotto. I due di testa hanno un vantaggio di oltre un secondo su Zenari mentre Fusto aumentando il ritmo è già quarto davanti a Russo. Grilli ancora in battaglia con Anastasi scivola al penultimo giro e lascia il podio a Zenari e Fusto, ma quando risale in sella si trova già decimo. Vince Anastasi, su Zenari e Fusto, Gabelllini è quarto davanti a Russo. Grilli taglia nono mentre il primo dei Superscooter è Gottardello, che contiene il recupero di Baldi, secondo. Delusione per Ribul, costretto ancora al ritiro.

Alvise Ulrich