News News

Indietro

A Battipaglia vincono Baldi, Reale e Pellegrino

 

Gare spettacolari e un buon numero di piloti hanno animato la prima prova stagionale del Trofeo Malossi Girone Sud sul Circuito del Sele a Battipaglia. Nella StockBike la vittoria va a Simone Pellgrino, campione italiano in carica davanti al veterano Barbato e al giovane lucano Mastrosimone. La ScooterMatic Extreme Italia vede il trionfo, dopo sei anni, di Nicolò Baldi, al rientro nella categoria, su uno straordinario Del Mastro e su un ottimo Mendogho. E' Francesco Reale, con due secondi posti, ad aggiudicarsi la ScooterMatic delle Regioni Sud, davanti a Rocco Coviello (vincitore di gara 2) e Gennaro Adinolfi autore di una prestazione regolare.

StockBike 80

Prove ufficiali. Subito l'acuto di Simone Pellegrino che si porta in testa e poi migliora costantemente. Alle sue spalle sfida fra Barbato e Bianculli, con il veterano che poi riesce a staccarsi e portarsi a soli 6 decimi dal poleman. Bianculli è terzo davanti a Costabile che ha la meglio sul coriaceo Mastrosimone. Sul finale si riprende Chianese, reduce dal doppio infortunio, prima alla spalla sinistra (ad Adria) e poi alla destra (nel Meeting & Test di Sarno), che strappa la sesta piazza su Buono, Ciampa e Carlo Pellegrino.

Sempre avanti a tutti Simone Pellegrino che conferma la pole anche nel secondo turno davanti a Giovanni Bianculli e Angelo Chianese. Pellegrino dimostra un grandissimo passo ma si avvicinano sia Bianculli che Chianese. A chiudere la prima fila c'è Barbato in ottima forma. E sarà questa la formazione in prima fila in griglia di partenza.

Gara 1 con Simone Pellegrino che prova ad andar via ma dietro gli altri non mollano. Il più coriaceo è Giovanni Bianculli che a metà gara si riporta sotto alla Derbi del salernitano e lo pressa inducendolo all'errore nel nono giro. Nel decimo passaggio Simone prova il tutto per tutto ma sbaglia di nuovo nell'ultima curva lasciando la vittoria al lucano. Terzo posto per Nikolas Mastrosimone che nel finale rimonta fino ad andare a conquistare il primo podio della carriera davanti a Genny Barbato, Buono, Costabile e Chianese in crisi fisica negli ultimi giri.

Gara 2 ed ancora Simone Pellegrino si porta in testa provando ad andar via. A metà gara gli si fanno sotto Bianculli e Barbato che passano e danno vita ad uno splendido duello che si risolve all'ultimo giro a favore del lucano. Terzo posto per Simone Pellegrino su Mastrosimone e Chianese. In verifica la moto di Bianculli viene messa fuori classifica per un particolare non conforme e la vittoria, per somma punti va al campione italiano Simone Pellegrino davanti ad un concentratissimo Barbato e alla sorpresa Nikolas Mastrosimone, al primo podio in carriera. Quarto posto per Donato Buono, costante per tutto il weekend, davanti al campione sud Angelo Chianese, contento di aver limitato i danni al rientro dopo due infortuni consecutivi.

ScooterMatic Sud

Gran Battaglia nella ScooterMatic delle Regioni Sud con Gargiulo subito velocissimo. Dietro prendono le misure e migliorano costantemente ad ogni passaggio. Dopo la metà prova si fa vedere D'Urso che segna un gran tempo  e va in pole. Dietro si alternano i migliori: Reale sembra in grado di impensierire D'urso, ma sul finale riecco Gargiulo che trova una sequenza e si porta in seconda posizione davanti a Reale e l'ottimo Riccio. Seconda fila per Sciarrino su Formisano, Coviello e Adinolfi. Proprio sotto la bandiera a scacchi l'ultima zampata di D'Urso che lima ulteriori due decimi al suo tempo.

Gran bagarre nella ScooterMatic delle Regioni Sud con Giargiulo in pole fino alla fine, o quasi: infatti sotto la bandiera a scacchi è Reale a segnare un grandisimo tempo e a scalzare il napoletano da una posizione ampiamente meritata. Terzo è Coviello, apparso a suo agio su superficie asciutta mentre il poleman del primo turno, D'Urso, si deve accontentare della quarta posizione nel secondo turno, ma partirà terzo grazie al tempo del primo crono. Seconda fila con Riccio, Sciarrino, Formisano e Adinolfi, tutti con un gran passo gara ed in grado di giocarsi la vittoria.

Gare stratosferiche a ritmi impressionati. Gara 1 Partenza fulminante per Gargiulo che si tira dietro Francesco Reale. Dietro c'è bagarre e Sciarrino scivola al terzo giro costringendo il direttore di gara ad esporre bandiera rossa. Alla ripartenza Reale va in testa ma Gargiulo risponde andando a vincere in tranquillità su Reale, Adinolfi, D'Urso e Barbato.

Gara 2 e ancora spettacolo: Gargiulo prova ad andar via ma Reale D'Urso e Coviello non mollano.  Al nono giro D'Urso prova ad attaccare ma perde il controllo dello Zip e scivola coinvolgendo Gargiulo e la vittoria va a Coviello su Reale e Formisano. La classifica a punti da la vittoria a Francesco Reale su Rocco Coviello ed Adinolfi.

ScooterMatic Extreme Italia

Piloti di casa davanti a tutti nella ScooterMatic Extreme Italia con Nicolò Baldi che, al rientro in sella allo Zip, gira velocissimo segnando un grandissimo tempo su pista ancora non in perfette condizioni. Alle sue spalle si porta subito Antonio Del Mastro: il pompiere di Bellizzi gira pochissimo ma gli basta per scalzare Antonio Paduano dalla seconda posizione. A chiudere la prima fila c'è Max Mendogho, non al meglio su pista ancora insidiosa. In seconda fila apre il campione della Malossi Day Cup Alessandro Melone che precede il compagno di team Costantino Olivieri, Simone Sambucci e Donato Maggio, alla ricerca del setup migliore.

Gara 1 e Baldi si mette subito avanti ma dietro c'è una splendida partenza di Donato Maggio. Si fa strada subito Del Mastro che prova a tenere il passo del pilota della Ni.Ba.

Baldi sulla pista di casa è incontenibile: gira in scioltezza segnando il record ad ogni giro mentre dietro a Del Mastro si alternano Paduano, Mendogho e Melone. Alla fine la vittoria va a Baldi con margine su Del Mastro, che amministra la seconda piazza, Melone, Mendogho e Paduano.

Gara 2 parte fortissimo Mendogho ma Baldi impiega due curve per ripassare in testa dopo uno start da dimenticare. Del Mastro si libera della marcatura e prova a tenere il passo del suo concittadino, ma Mendogho, Melone e Paduano non gli lasciano la scia. Intanto Baldi segna giri veloci in sequenza e vince anche gara 2 portando a casa il punteggio pieno. Nell'ultimo giro in ogni curva cambiano le posizioni del quartetto di inseguitori. Paduano si porta in seconda posizione ma nell'ultima staccata viene fulminato prima da Mendogho, poi da Del Mastro e da Melone, chiudendo ancora quinto.

Per somma punti sarà questa la classifica di giornata di un Trofeo dove ci sono otto piloti in grado di giocarsi la vittoria finale.

Il prossimo appuntamento con il Trofeo Sud è per il 28 e 29 maggio sull'autodromo del Levante di Binetto, in provincia di Bari, in concomitanza con i Trofei Nazionali Malossi.