News News

Indietro

[TMAX CUP] PANNONE VS FUSTO: ALLUCINANTI!

 

Outsider in pista per la gara d'apertura della stagione 2011 della T-Max Cup Malossi sull'autodromo Riccardo Paletti a Varano de Melegari. Fuori i campioni dentro gli sfidanti ma la sostanza dello spettacolo non cambia: è grande show in pista! Che quest'anno il Trofeo si sarebbe presentato ricco di novità era chiarissimo già dalla Malossi Day Cup 2010 e dal Meeting & Test di Adria dello scorso mese. E le attese non sono state smentite.

Due piloti su tutti, velocissimi e con l'intenzione di sfidarsi fin sotto l'ultima bandiera a scacchi. Entrambi vecchie conoscenze dei Trofei Malossi ritornano a calcare le piste del circus organizzato dalla Race Service: il primo è "Capitan" Cesare "Kaiser" Fusto, ligure, già campione in sella ai maxi nel 2008 al termine di una stagione che lo vide finire imbattuto; il secondo è Luigi "Superpann" Pannone, laziale, velocissimo pilota degli albori dei Trofei Scootermatic e vincitore della categoria T-Max alla Malossi Day Cup 2010.

Già nelle libere i due si sfidano all'ultima staccata. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: record ufficiosamente infranto da entrambi: "io entro in pista caricato – afferma Luigi Pannone – faccio il mio tempo, ma al turno successivo vedo Cesare che lo sgretola con una facilità imbarazzante". Fusto gli risponde ridendo: "perché quando il record lo fai tu?"

E sono andati avanti così per tutto il sabato, fino all'1'20"9 di entrambi. E' più in difficoltà Marco Delmastro, per la prima volta in sella al nuovo T-Max: "Ho comprato il T-Max di Santo Russo e credevo di poter far subito bene  - racconta il piemontese del team N'Gula Racing – invece devo adattarmi al nuovo stile di guida ed a capire tutti i settaggi. A Varano facciamo apprendistato e puntiamo ad essere i primi dei "normali".

L'armata Show Bike scherza. Il "faro" Fusto è troppo avanti per Ferrara, Gaggino e Turbino ma il clima è quello goliardico di sempre. Anche Giuseppe Russo mostra il suo solito sorriso: "Nuovo T-Max e problemi di sempre – dice il pilota laziale – sono alla ricerca del giusto setup della moto, ma anche mio… devo imparare ad essere più deciso nelle staccate". D'Elia è alle prese con alcuni problemi tanto da non scendere in pista nel primo turno, mentre Pierpaolo Rossi è felicissimo di cominciare un'altra stagione in sella al maxi Yamaha: "scrivete che sono l'unico con il vecchio T-Max – specifica il romagnolo – e domani sarà battaglia: qualcuno dietro finisce".

Primo turno di ufficiali e Fusto scende di oltre un secondo sotto il record con Pannone che insegue a pochissimo. Al quarto giro il ligure ferma i cronometri su 1'20"9, rallenta, poi decide di uscire. Pannone si avvicina ma è a distanza di sicurezza. Almeno sembra. Al settimo giro spara le sue cartucce e segna 1'20"698 e si porta in pole, ma non si accontenta. Due giri dopo è il nuovo record 1'20"609 e finalmente si placa. Fusto gli fa i complimenti, ma medita la rivincita. Gli altri dietro sono distanti. Alla fine Delmastro è terzo alle prese con il setup del nuovo T-Max arrivato appena in tempo per la gara, mentre a completare la prima fila c'è Francesco Ferrara.

Secondo turno e Kaiser Fusto mostra i muscoli: un giro di riscaldamento e poi costantemente sotto il muro dell'1'21" segno di un passo gara impressionante. Pannone si ferma e guarda dal muretto fino all'1'20"841 di Fusto. Il romano risale in sella è in un giro è anche lui sotto 1'21". Poi esce. Gli altri affannano alle loro spalle. Al termine delle qualifiche si conferma in terza posizione Marco Delmastro: il torinese migliora ma sa che è tagliato fuori dalla lotta per la vittoria. Francesco Ferrara è quarto alle sue spalle e completa la prima fila. In seconda linea ci sono Angelo D'Elia (che non aveva girato nel primo turno), Marco Gaggino, Giuseppe Russo, Alessandro Turbino e Pierpalo Rossi racchiusi tutti in pochissimo distacco. Nel paddock Fusto e Pannone si guardano: "sarà dura - esclamano in coro, consci del valore dell'avversario. Sembra stordito Delmastro: "è la prima volta che salgo sul T-Max nuovo e non riesco ad abituarmi – afferma il pilota di N'Gula Racing – in gara vediamo di far meglio ma non credo di avvicinarmi a quei due. Almeno per ora".

Al via "I due" non si lasciano pregare, ma un'esitazione di Pannone lascia la porta aperta a Fusto. Kaiser si porta avanti pressato dal romano, mentre dietro si accende un duello stratosferico fra D'Elia, che si porta in terza posizione, Delmastro, Gaggino, Ferrara e Giuseppe Russo. Dietro sono in lotta per l'ottava piazza Rossi e Turbino.

Fusto forza il ritmo ed al terzo passaggio fa il giro veloce in 1'20"760 ma Pannone gli risponde con molta calma, colmando i decimi guadagnati da Fusto. Dietro è lotta furibonda Gaggino passa Delmastro e si mette alla caccia di D'Elia e lo passa. Dopo qualche giro anche il torinese passa D'Elia e si riporta in quarta posizione. Perde terreno invece Giuseppe Russo per un calo del suo T-Max. Al settimo giro Pannone si fa vedere un paio di volte da Fusto che chiude bene i varchi all'avversario. Al giro successivo si decide il podio. Alla staccata della Ickx Pannone brucia Fusto con una manovra spettacolare e si lancia in fuga segnando il giro più veloce all'ultima tornata ed andando a vincere con un secondo di vantaggio sull'avversario. Dietro si fa largo anche Delmastro che trova il varco e conquista l'ultimo gradino del podio davanti a D'Elia, Gaggino e Ferrara giunti molto vicini. Settimo chiude Giuseppe Russo davanti a Rossi e Turbino, anche loro al fotofinish.

"E' stata dura – afferma un sudatissimo Pannone – Cesare è un grande avversario e mi ha fatto dannare per trovare un varco. Oggi avevo qualcosa in più ma so che non sarà sempre così. Siamo molto vicini e credo che sarà difficile fino alla fine".

Fusto gli fa i complimenti: "Avversario forte e lo sapevo – afferma il portacolori di Show Bike – ma ho anche capito cosa non era a posto nel mio setup: una sciocchezza, ma che può rilevarsi importante in Trofeo giocato sul filo dei millesimi. Ho capito qual è il problema e a Castelletto conto di rifarmi".

E' un po' avvilito Delmastro: "con il terzo posto ho fatto il minimo – dice sconsolato il portacolori di N'Gula Racing – ma il distacco dal podio è pesante. Ho sbagliato la partenza e mi sono trovato impelagato in una bagarre impensabile. Divertente, si, ma anche faticosa: faccio i comlimenti a Gaggino, D'Elia e Ferrara che mi hanno reso la vita difficile".

Giuseppe Russo aveva sperato in qualcosa in più: "in gara avevo il passo giusto e sono rimasto in lotta per il podio fino a due giri dal termine – racconta il romano – poi c'è stato un calo tecnico e devo capire cosa è. Sto cominciando a capire il nuovo scooter e credo che si possa solo migliorare".

Pierpaolo Rossi è il più felice di tutti: "quasi 10 secondi in meno dello scorso anno ed una grande battaglia per non finire ultimo – dice divertito – saranno stati i guanti del nipotino… (Marco Simoncelli – ndr) non vorrei che con quello che ha combinato oggi me li chieda indietro…".

Round two della T-Max Malossi Cup è al Motodromo Castelletto di Branduzzo il prossimo 8 maggio.

Ilio Ascione

 

TMax Cup

10-3 aprile Varano de'Melegari

Classifica di GARA e TROFEO